Le Casette di Lù

   Bed & Breakfast   
 

CAMERE

Le camere con ingressi indipendenti, sono dotate di climatizzazione, camera da letto matrimoniale, soggiorno con angolo cottura e divano letto, TV, bagno privato con doccia, dove troverete biancheria da bagno, articoli da toeletta gratuiti e asciugacapelli.

Alcuni alloggi includono balconi o finestre che affacciano sulla città o sul centro storico.

 

SERVIZI

Colazione

 

Ogni giorno, è predisposta a buffet nel soggiorno della vostra camera, la 1a colazione,  italiana,continentale , composta da  latte,thè,caffè,yogurt,

,biscotti,cereali,cornetti,fette biscottate,marmellate,pane,succhi di frutta, o se preferite è possibile farla direttamente nella nostra pasticceria convenzionata.

Free Wifi

 

Wifi gratuito  e presente in tutta la stuttura.

Pulizia Giornaliera

 

Pulizia delle camere giornaliera, con cambio biancheria bagno ogni due giorni.

                               Parking

Dal B&B a circa 200 metri, avrete  la possibilità di trovare posteggio per l'auto nelle varie piazzette pubbliche non a pagamento, o nel Parking pluripiano Atenea a pagamento, sito alla fine di Via Atenea.(Via Empedocle n1).

 

GALLERIA

1/13
 

COSA VEDERE

Scala dei Turchi

 

La Scala dei Turchi è una parete rocciosa (falesia) che si erge a picco sul mare lungo la costa tra Realmonte e Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. È diventata nel tempo un'attrazione turistica sia per la singolarità della scogliera, di colore bianco e dalle peculiari forme, sia a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano scritti dallo scrittore empedoclino Andrea Camilleri, in cui tali luoghi vengono citati paese del commissario, da inquadrare con Porto Empedocle.

Valle dei Templi

La Valle dei Templi è un'area archeologica della Sicilia caratterizzata dall'eccezionale stato di conservazione e da una serie di importanti templi dorici del periodo ellenico. Corrisponde all'antica Akragas, monumentale nucleo originario della città di Agrigento. Oggi è parco archeologicoregionale. 

Dal 1997 l'intera zona è stata inserita nella lista dei patrimoni dell'umanità redatta dall'UNESCO. È considerata un'ambita meta turistica, oltre ad essere il simbolo della città e uno dei principali di tutta l'isola. Il parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, con i suoi 1300 ettari, è il sito archeologico più grande del mondo.

Giardino della Kolymbetra

Il giardino della Kolymbethra è un sito archeologico di grande rilevanza naturalistica e paesaggistica, ubicato in una piccola valle nel cuore della Valle dei Templi ad Agrigento. Luogo di interesse archeologico/naturalistico di grande importanza a livello territoriale e nazionale, ponendo fine così alla situazione di abbandono che si era creata negli ultimi decenni del Novecento. Il restauro vegetazionale e strutturale organizzato dal FAI permette la visita al Tempio di Efesto, oltre alla scoperta di alcuni ipogei.

Chiesa di Santa Maria dei Greci

 

La Chiesa di Santa Maria dei Greci sorge sulla via omonima, sulla collina di Girgenti. Essa corrisponde all’antico tempio di Atena o di Zeus Atabirios, che risale all’epoca di Terone. Di questo tempio rimangono tracce nelle fondazioni e nei resti della cella: era un tempio periptero esastilo, con tredici colonne sui lati lunghi, analogo al Tempio della Concordia. 

La chiesa è detta dei Greci perché, durante la dominazione bizantina, fu cattedrale di rito greco-ortodosso: divenne poi cattedrale Cattolica, prima di San Gerlando.

Cattedrale di San Gerlando

La cattedrale metropolitana di San Gerlando è il principale luogo di culto cattolico di Agrigento

Nata nel grande solco della tradizione normanna, è una preziosa testimonianza di espressioni artistiche diverse:

arabo- normanno, lo stile originario che oggi si riconosce nel transetto e nella torre dell'orologio che si eleva sopra la cappella di San Bartolomeo,

Gotico- chiaramontano ,  quello che si ammira nella prima parte della chiesa con le sue colonne a base ottogonale che sorreggono gli archi a sesto acuto;

rinascimentale è il motivo architettonico che si mostra nella facciata e nel campanile che la fiancheggia magnificamente;

barocca la decorazione del presbiterio e la sezione centrale della chiesa. La costruzione durò sei anni (1096-1102).

Via Atenea

La via Maestra, oggi Atenea. nasce come un asse di collegamento tra i quattro borghi medioevali: il più antico è quello di San Gerlando. ad est quello di Pecora Tonda (San Michele) e quelli posti a quota più bassa attorno al monastero dì Santo Spirito (Batarànni) ed attorno alla chiesa di San Francesco d’Assisi ed all’omonimo convento chiaramontano.

La “Porta di Ponte” (oggi Porta Atenea) fu realizzata quale accesso alla città per chi proveniva dall’ antica strada romana di collegamento con l’entroterra ed il capoluogo dell’isola. Essa era in conci di calcarenite e con arco a sesto acuto, di fattura simile a quella tuttora visibile nella parte più bassa della via Empedocle che viene denominata “Porta Panitteri”.

 

CONTATTI

Via Neve 12, Agrigento 92100, Italia

Tel: +39 339 2352614

© 2018 by Le Casette di Lù

  • Black TripAdvisor Icon
  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon